ArticoliCyberSecurityVulnerabilità

Analisi delle “Common Vulnerabilily and Exposures”

Information Security
Le CVE – acronimo di “Common Vulnerability and Exposures” – sono classificazioni di vulnerabilità informatiche relative a sistemi operativi (come ad esempio MacOS, Windows, iOS, Android, etc.), applicativi (WordPress, SAP, CRM vari, etc.) e simili che sono ampiamente diffusi nel mondo. Queste vengono catalogate dall’NVD – cioè la repository ufficiale del governo USA – in elenchi pubblici affinché tutti coloro che utilizzano tali software, sistemi operativi, etc., possano verificare se i propri sono vulnerabili attraverso delle specifiche analisi di vulnerabilità. Nel corso del tempo sono state pubblicate moltissime CVE. Di seguito ne daremo una brevissima analisi grafica:

Sopra è riportato graficamente l’andamento della pubblicazione delle CVE scoperte nel periodo compreso tra il 2004 e il 2020.

Il trend è in grande ascesa a partire dal 2017 ed è sembrato stabilizzarsi negli anni successivi con una piccola flessione positiva nel corso dell’anno della pandemia.

Ciò non deve sorprendere: il 2020 è stato, con ogni probabilità, l’anno peggiore dal punto di vista statistico per gli attacchi informatici e la scoperta di nuove vulnerabilità.

Tutto ciò si metta anche in relazione con quanto dichiarato nel Rapporto Clusit 2020 (Cfr. p. 17 e ss.) e nel Report Clusit 2021 (Cfr. pp. 15 – 17) ovvero con il fatto che il trend del primo semestre 2020 (rispetto all’equivalente del 2019) era già in aumento del 6,7% per assestarsi attorno ad un +12% rispetto al 2019. Il trend è dunque in grande aumento (in particolar modo tenendo conto del novero degli attacchi del Dicembre 2020).

Analizzando sinotticamente i due report si notano delle differenze sostanziali. Infatti, il trend espresso dal Rapporto Clusit 2020, va a definirsi in relazione alle seguenti categorie:

Distribuzione generale degli attaccanti per tipologia - Report Clusit 2020

Mentre, conclusivamente, nel Report 2021 s’attesta un trend decisamente peggiorativo come esplicato dalla seguente sintesi tabellare:

Fonte minacce 2021_CLusit 2021

E’ bene ricordare che le tipologie di tecniche d’attacco si modificano, evolvono e dispiegano così come il nostro utilizzo della tecnologia. L’innalzamento del trend è facilmente comprensibile: nel corso del 2020 infatti, con la situazione emergenziale in piena crisi, abbiamo potuto assistere ad un ricorso sempre più frenetico a nuove strutturazioni informatiche/informatiche finalizzate alla business continuity.

Ciò, tuttavia, ha provocato un’installazione di applicativi e di nuove configurazioni di servizi disponibili online. Se tutto questo ha consentito di perseguire l’attività lavorativa con impatti minoritari, è anche vero che lo stesso ha strutturato terreno fertile al crimine informatico moltiplicando esponenzialmente le superfici d’attacco.

Infatti, fino al primo semestre del 2020, il trend assoluto era quello relativo ai “malware”. Nel rapporto conclusivo del 2021, invece, si denota un netto innalzamento del ricorso a vulnerabilità note (per l’appunto le succitate CVE) e attacchi di tipo Distribuited Denial of Service (c.d. DDoS).

Distribuzione generale delle tecniche di attacco - Report Clusit 2020

Il c.d. malware implant, ovverosia l’installazione di programmi dannosi, non è ovviamente una tecnica particolarmente innovativa anche se, come evidente, rappresenta comunque la tecnica statisticamente più utilizzata.

A questo punto è bene focalizzare l’attenzione su due ulteriori dati verificatisi nel 2019:

  • L’utilizzo delle tecniche di phishing, talvolta in congiunzione con attacchi d’ingegneria sociale, in quanto rappresenta un trend particolarmente fruttuoso e in grande crescita (+26,1%);
  • L’aumento degli attacchi relativi alle credenziali utilizzate, ovverosia l’account cracking (+24,2%);

Contrariamente a ciò ma in evidente congiunzione con quanto sopra riportato, nell’ultimo semestre del 2020 ciò non è stato particolarmente necessario dato il ricorso, via via più incidente, all’exploit di CVE e/o misconfigurazioni (principalmente dei Sistemi Operativi).

Ne consegue, dunque, l’istogramma di seguito riportato:

Istogramma tecniche attacco_Clusit 2021

Vorremmo analizzare brevemente, inoltre, un dato che può risultare “fuorviante” da una lettura superficiale dei Report Clusit.

Come abbiamo visto in precedenza, infatti, il trend complessivo delle stesse è in aumento e, in particolare, è bene ricordare quanto segue:

Nel corso del 2020, sono state pubblicate un totale di 17353 CVE, di cui:

CVE nell'anno 2020
Qualificazione CVE Totale rinvenuto
CVE critiche 2366
CVE alte 7022
CVE medie 6776
CVE basse 381

Nel 2019 invece, a fronte di una pubblicazione di 16349 CVE, si può osservare la seguente ripartizione:

CVE nell'anno 2019
Qualificazione CVE Totale rinvenuto
CVE critiche 2378
CVE alte 6534
CVE medie 6147
CVE basse 290

La risoluzione delle stesse, tuttavia, non sempre è immediata per mezzo dell’installazione d’aggiornamenti ufficiali. Da un lato, infatti, un aggiornamento può rendere non più utilizzabile e/o instabile un applicativo; dall’altro, come nel caso della vulnerabilità c.d. PrintNightmare di Windows (Cfr. Pagina Ufficiale Microsoft e articolo tecnico di The Hacker News) o del bug relativo allo string handling e formatting di iOS (Cfr. articolo di The Hacker News e quello di Red Hot Cyber), possono non essere completamente rimediate dagli stessi.

In conclusione, dunque, è bene ricordare che non esiste un sistema “sicuro” tout court ma che la sicurezza informatica è un processo sempre in fieri e che va verificato con cadenza costante.

Scrivici!